PMA, un passo avanti per le donne ammalate di tumore
PMA, un passo avanti per le donne ammalate di tumore
settembre 7, 2016
PMA, Legge 40 da rifare
PMA, Legge 40 da rifare
ottobre 9, 2016

Congelamento quando ci sono gravi problemi di salute

Congelamento quando ci sono gravi problemi di salute

Quando una donne è colpita da tumore o soffre di endometriosi e corre un serio rischio di non potere avere figli in seguito alle cure entrano in gioco le tecniche di crioconservazione degli ovociti.

crioconservazione degli ovociti

crioconservazione degli ovociti

I farmaci antitumorali, infatti, diminuiscono la fertilità, mentre l’endometriosi può compromettere la capacità di avere figli per via della creazione di endometrio nelle parti sbagliate dell’apparato riproduttivo femminile.

Il congelamento degli ovociti può essere fatto anche da donne sane che vogliono assicurarsi la possibilità di avere figli in futuro.
Si tratta del cosiddetto “social egg-freezing“, cioè un congelamento fatto per ragioni sociali.

Magari per consentire alle donne di impostare la propria carriera e avere dei figli una volta raggiunto un certo livello di sicurezza ed esperienza sul lavoro.
In Italia il primo bambino nato da un ovocita vitrificato è nato a Bologna nel 1999 e dal 2005 al 2013 sono stati crioconservati oltre 200 mila ovociti; nello stesso periodo sono stati effettuati circa 24 mila trattamenti per la procreazione da scongelamento di ovociti e sono state ottenute 3 mila gravidanze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *