L’Alta Corte britannica si è pronunciata a favore di una donna inglese di 60 anni che ha chiesto di poter per diventare madre con la fecondazione assistita.

La signora ha chiesto che le siano impiantati gli ovuli della figlia morta nel 2011 a causa di un cancro all’intestino. La ragazza, una volta scoperto il tumore, aveva infatti congelato i suoi ovuli, nella speranza di dare alla luce un figlio appena guarita. La signora inglese ha ingaggiato una vera è propria battaglia con le autorità, perché il permesso le venisse concesso.
Quando stava per raggiungere gli States, dove una clinica si era dimostrata disponibile, la Human Fertility and Embryology Authority (Hfea), in assenza di un testamento scritto della figlia, si è persino opposta all’esportazione degli ovuli.
L’Alta Corte ha, intanto, annullato la decisione della Hfea, ritenendo il caso degno di ulteriore approfondimento.

agosto 27, 2016
Madre a 60 anni con la PMA

Madre a 60 anni con la PMA

L’Alta Corte britannica si è pronunciata a favore di una donna inglese di 60 anni che ha chiesto di poter per diventare madre con la fecondazione […]
luglio 15, 2016
PMA culla d'Italia

PMA culla d’Italia

Sono sempre più numerosi e, forse, siamo davanti a cifre record, i bambini che nascono in Italia attraverso le procedute della procreazione medicalmente assistita. Gli ultimi […]
luglio 4, 2016
10 cose importanti da sapere sulla PMA

10 cose importanti da sapere sulla PMA

PMA è l’acronimo di Procreazione Medicalmente Assistita, cioè l’insieme degli interventi messi in atto con lo scopo di determinare il processo riproduttivo nei quali i gameti, […]
giugno 14, 2016
La sterilità di coppia è sempre più diffusa

La sterilità di coppia è sempre più diffusa

La sterilità di coppia è sempre più diffusa. Secondo l’Istat in Italia circa il 33 % delle coppie è interessate da tale patologia, mentre il Servizio […]